L'Europa e la pena di morte

L'Europa e la pena di morte

Comparazione giuridica e strategie abolizioniste

Autori: mostra di più mostra meno

Data di pubblicazione: 2017

Opzioni di acquisto
Scopri di più Prevendita Non disponibile Disponibile

Omaggio

Descrizione

L’esperienza storica mostra come la pena capitale abbia rappresentato un filo conduttore che collega i sistemi politici più disparati: al netto di altre evidentissime differenze di impostazione generale, la soppressione fisica dei rei è con ogni probabilità l’unico elemento che accomuna il corporativismo medievale di matrice cattolica, i diversi regimi che si sono succeduti nella Francia post-rivoluzionaria, il terzo Reich nazista e il totalitarismo sovietico. Alla stessa maniera, regimi politici che come il Regno Unito del primo Novecento o la Francia degli anni sessanta e settanta devono essere classificati come liberal-democratici hanno per lungo tempo difeso la pratica punitiva.
Ovviamente, una simile contraddizione ha suscitato parecchie domande e ancora oggiAggiungi un appuntamento per oggi continua ad interrogare la comunità dei giuristi e più in generale gli studiosi delle scienze sociali.
La convinzione alla base di questo lavoro è che una lettura storico-comparatistica dell’esperienza abolizionista possa facilitare l’individuazione dei formanti e dei crittotipi che hanno portato a fermare le esecuzioni e possa quindi aiutare a comprendere le ragioni di questo strano ed inquietante fenomeno.

Estratti

In questa sezione puoi consultare e scaricare alcuni estratto del prodotto

Dettagli

Data di pubblicazione

2017

Editore

Cedam

ISBN

9788813367626

Codice

00234576

Categoria

Libri

Supporto

Carta

Carta

364 pagine

Tags

CISR -- Centro Italiano per lo Sviluppo della Ricerca. Collana diretta dal prof. Giuseppe de Vergottini

Dettagli

Data di pubblicazione

Editore

ISBN

Codice

Categoria

 

Periodicità

Edizione

ON CLOUD

Impossibile aggiungere il prodotto al carrello
Prodotto aggiunto al carrello