carrello0

Le cause fondate sulla compravendita internazionale: legge applicabile e foro competente

Autori Corongiu Serena
— IPSOA

ACCREDITATO PER AVVOCATI!
1 CREDITO FORMATIVO

Il corso di autoformazione on line esamina le cause fondate sulla compravendita internazionale, che all’interno della categoria dei contratti internazionali è la tipologia negoziale più comune ed utilizzata dagli operatori economici. Il corso si propone di approfondire la disciplina del contratto internazionale di compravendita dal punto di vista internazionalprivatistico, ovvero mediante l’individuazione della legge applicabile e del foro competente a dirimere le eventuali controversie insorte fra venditore e acquirente. L’obiettivo è di fornire all’interprete gli strumenti per comprendere i complessi meccanismi internazionalprivatistici che conducono all’individuazione della legge applicabile e del foro competente in materia di vendita internazionale.


PROGRAMMA

Inquadramento metodologico: le fonti
1. Introduzione
2. Molteplicità di fonti normative per l’individuazione della disciplina della vendita internazionale
3. Molteplicità di fonti normative anche per l’individuazione del foro in materia di vendita internazionale

Le fonti sulla disciplina del contratto di compravendita internazionale
4. La Convenzione di Vienna del 1980
5. La Convenzione de L’Aja del 1955: campo d’applicazione
6. (segue) La Convenzione de L’Aja del 1955: i criteri di individuazione della legge applicabile
7. Il Regolamento Roma I: campo d’applicazione
8. (segue) Il Regolamento Roma I: i criteri internazionalprivatistici
9. Coordinamento fra l’art. 57 della legge n. 218/1995, la Convenzione di Roma del 1980 e il Regolamento Roma I
10. Gli usi del commercio internazionale e la lex mercatoria
11. Il contrasto fra le fonti: inquadramento del problema
12. (segue) Risoluzione del possibile contrasto fra fonti conflittualistiche sovranazionali
13. (segue) Risoluzione del possibile contrasto fra fonti conflittualistiche e fonti di diritto materiale uniforme
14. Corollario

Le fonti relative alla giurisdizione in materia di compravendita internazionale
15. Foro competente nelle cause di compravendita internazionale secondo i criteri comunitari di riparto della giurisdizione: il foro generale del convenuto
16. (segue) Il foro speciale: il foro basato sul locus destinatae solutionis
17. Un criterio controverso. Excursus storico: la norma sul forum destinatae solutionis nella Convenzione di Bruxelles del 1968
18. (segue) Il metodo analitico per l’individuazione della “obbligazione dedotta in giudizio” ai sensi dell’art. 5 n. 1 della Convenzione di Bruxelles del 1968: la giurisprudenza De Bloos
19. Il metodo conflittualistico per l’individuazione del “luogo di esecuzione” dell’obbligazione dedotta in giudizio ai sensi dell’art. 5 n. 1 della Convenzione di Bruxelles del 1968: la giurisprudenza Tessili
20. Scarsa prevedibilità del luogo di adempimento dell’obbligazione dedotta in giudizio
21. Ratio della modifica normativa apportata dall’art. 5, n. 1, lett. b), del Regolamento Bruxelles I
23. La sentenza Car Trim (2010)
24. La sentenza Electrosteel (2011)

-----------------------------------------------------------

DOCENTI

L’Autrice è l’avv. Serena Corongiu del Foro di Vicenza. In tema di diritto transnazionale processuale e commerciale, l’avv. Corongiu è Autrice di numerosi articoli pubblicati su riviste legali (Corriere Giuridico, Int’l Lis, Giurisprudenza Italiana, Il Diritto dell’Unione Europea, Danno e Responsabilità, ecc.), nonché di scritti editi in opere collettanee. Docente di transnational litigation presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali dell’Università degli Studi di Verona e Trento, l’avv. Corongiu partecipa inoltre come Relatrice a convegni, tavole rotonde e conferenze su temi processualcomparatistici, in Italia e all’estero.

L’Avv. Corongiu è Dottoressa di ricerca in Teoria Generale e Comparazione Processuale.

A CHI SI RIVOLGE
Avvocati.

MATERIALE DIDATTICO
Slides commentate in formato PDF, giurisprudenza comunitaria, di legittimità e di merito.

REQUISITI TECNICI
I requisiti minimi di sistema per la consultazione del corso sono:
- PC multimediale Pentium III 733 MHz, RAM 128 MB; S.O Microsoft Windows 2000 o XP;
- I-Explorer 5.5 o superiore, con relativa Java Virtual Machine (Microsoft o Sun);
- Windows Media Player; Scheda audio e casse acustiche;
- Connessione attiva ad Internet, minima di 50 kb/s, abilitata al traffico HTTP.

MODALITA’ DI ACCESSO
Subito dopo aver completato l’acquisto viene inviata una e-mail contenente il CODICE DI ATTIVAZIONE del corso. Per accedere al corso basta collegarsi al sito Ipsoa www.ipsoa.it , autenticarsi con le proprie username e password, cliccare sul bottone eLEARNING presente nella pagina personale e inserire il CODICE DI ATTIVAZIONE nell’apposito box.

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
Attendere prego