carrello0

Il nuovo scudo fiscale

Schemi di sintesi, Approfondimenti, Quesiti, Chiarimenti e Modulistica dell'Agenzia delle Entrate

Autori Ferranti Gianfranco, Parisi Paolo, Tomassini Antonio, Boccalatte Gianluca, Parisotto Renzo, Russo Valeria
— IPSOA — Anno 2009

Aggiornato con la Circolare Agenzia delle Entrate 10 ottobre 2009, n. 43/E

D.L. n. 78/2009 conv. Legge n. 102/2009. Aggiornato alla Circolare dell'Agenzia delle Entrate

Lo Scudo fiscale-ter, introdotto dalla Manovra anticrisi, permette di regolarizzare o rimpatriare le attività finanziarie e patrimoniali detenute fuori del territorio dello Stato, in violazione delle regole sul monitoraggio fiscale. L'emersione può riguardare gli investimenti in azioni, partecipazioni non azionarie, quote di fondi comuni, polizze assicurative ma anche conti correnti, immobili, opere d'arte, imbarcazioni, detenuti all'estero anche mediante interposta persona (trust, società fiduciarie, ecc.).
L'emersione è condizionata al pagamento di una imposta straordinaria che, di fatto, è pari al 5% del valore dei beni emersi.
Il provvedimento si applica dal 15 settembre al 15 dicembre 2009.

Il volume fornisce:
- approfonditi commenti d’autore
- quesiti
- schemi di sintesi per il riepilogo dei presupposti di base del regime in esame
- la modulistica commentata
- la normativa base
- il testo della circolare Agenzia Entrate 10 ottobre 2009, n. 43/E

STRUTTURA

1) Schemi di sintesi

2) Approfondimenti
• Le ragioni dello scudo fiscale
• Soggetti interessati 
• Presupposti: la detenzione all’estero e la violazione delle disposizioni in materia di monitoraggio fiscale
• Concetto di detenzione all’estero
• Idoneità a produrre redditi imponibili in Italia
• Quadro RW e la dichiarazione delle consistenze di attività finanziarie e patrimoniali e dei trasferimenti
• Casi particolari (beni intestati a fiduciarie, trust, conti contestati, ecc)
• Rimpatrio e regolarizzazione: peculiarità e differenze. Stati UE/See e extra UE/See
• Adempimenti: la dichiarazione riservata da presentare all’intermediario dal 15.9.2009 al 15.12.2009
• Costo dello scudo: il 5% del valore delle attività. Costo fiscalmente riconosciuto delle attività emerse
• Effetti e vantaggi dello scudo: conservazione dell’anonimato, preclusione degli accertamenti fiscali e contributivi, eliminazione delle sanzioni, sanatoria penale
• Limiti all’impiego dello scudo: violazioni già constatate, accertamenti, procedimenti penali
• Inasprimento delle sanzioni per chi continua a detenere illegalmente attività all’estero
• Adempimenti degli intermediari. Gli obblighi di identificazione e registrazione per il rimpatrio e la regolarizzazione (l’applicazione delle disposizioni antiriciclaggio)
• Costi per l’emersione dal punto di vista delle banche e degli altri intermediari finanziari (oneri, commissioni di svincolo del portafoglio, ecc) e le scelte strategiche per gli intermediari stessi

3) Quesiti

4) Modulistica commentata

5) Documentazione

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
Diritto e pratica tributaria
€ 290,00 +IVA (-50%) € 145,00 +IVA
il fisco
€ 350,00 +IVA (-50%) € 175,00 +IVA
Diritto e pratica tributaria internazionale
€ 105,00 +IVA (-50%) € 52,50 +IVA
Pratica Fiscale e Professionale
€ 205,00 +IVA (-50%) € 102,50 +IVA
GT - Giurisprudenza Tributaria
€ 260,00 +IVA (-50%) € 130,00 +IVA
Corriere Tributario
€ 350,00 +IVA (-50%) € 175,00 +IVA
NEXTNext
Attendere prego