carrello0

Sindacato di costituzionalità e norme penali di favore

Autori Andrea Lollo
— CEDAM — Anno 2017
La materia penale costituisce, da sempre, il settore dell’ordinamento meno permeabile al sindacato di costituzionalità, tanto più se si tratta di questioni di legittimità in grado di provocare un’estensione del perimetro di rilevanza penale.
Mentre il contenimento degli spazi dell’incriminazione suscita minore allarme, in virtù dello spirito garantistico che informa le disposizioni costituzionali in materia penale, la possibile estensione di tali spazi per mano di un organo privo di diretta legittimazione democratica, qual è la Corte costituzionale, genera più di una preoccupazione. Di qui l’affermazione, fino a poco tempo fa incontestata, che le sentenze della Corte costituzionale non possono sortire effetti in malam partem.
Nell’attuale fase di sviluppo dell’ordinamento giuridico, contrassegnata dalla sempre più profonda maturazione di una cultura costituzionalistica e da un progressivo ampliamento della sfera di giuridicità, occorre ripensare il sindacato di costituzionalità sulle norme penali di favore.
Il volume affronta i problemi dottrinali e giurisprudenziali posti dal controllo di costituzionalità sulle norme penali di favore, proponendo uno schema teorico per la sindacabilità di tale categoria di norme.
 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
Rivista trimestrale di Diritto penale dell'economia
€ 160,00 +IVA (-50%) € 80,00 +IVA
Rivista di diritto processuale
€ 182,00 +IVA (-50%) € 91,00 +IVA
Studium Iuris
€ 155,00 (-50%) € 77,50
Diritto penale e processo
€ 235,00 +IVA (-50%) € 117,50 +IVA
NEXTNext
Attendere prego