carrello0

Lo sconsiglio di stato

Autori Cacciavillani Ivone
— CEDAM — Anno 2012

Si suole definire la giurisprudenza “diritto vivente”, ma non sempre il diritto “vive” nelle sentenze.Il precedente saggio tratta del Diritto morente (in aula), riferito a certe sentenze della Corte di Cassazione ritenute “extra vaganti”, nel senso che vagano in campi ignoti al diritto; qui se ne ricorrono talune del Consiglio di Stato che le seguono a ruota. A parere di chi?A far la dottrina sono i dottori; avvocati e giudici (gli operatori della giustizia) dovrebbero abbeverarsi alle scaturigini del loro sapere giuridico, facendosene norma d’azione. Sarà per i mutamenti climatici che imperversano, ma c’è una grande siccità in giro, per cui anche i manovali si arrogano d’inventare teorie giuridiche, addirittura dissentendo dai Maestri e financo criticandoli. Potrebb’essere il “troppo pieno” della sopportazione o l’arroganza del monoculus rex in regno coecorum.C’è comunque l’attenuante del maxima debetur senioribus reverentia.
Fermo, col Collega Marco Tullio, che mala tempora currunt!

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
Studium Iuris
€ 155,00 (-50%) € 77,50
Urbanistica e appalti
€ 235,00 +IVA (-50%) € 117,50 +IVA
Giornale di Diritto Amministrativo
€ 235,00 +IVA (-50%) € 117,50 +IVA
NEXTNext
Attendere prego