carrello0

La stabile organizzazione delle imprese

Autori Ripa Giuseppe
— CEDAM — Anno 2004
L'attuale scenario economico è caratterizzato dal fenomeno della globalizzazione. Ciò ha portato numerosi mutamenti nel mercato di riferimento delle società che, attraverso l'utilizzo dell'innovazione tecnologica (su tutte Internet) sono riuscite a superare i confini geografici, non è più locale, ma diviene anch'esso "globale". Il moderno imprenditore ha quindi a disposizione nuovi strumenti per internazionalizzare la propria impresa. La nascita dell'impresa globale, attraverso la sua delocalizzazione, comporta inevitabilmente la produzione di reddito in più Paesi, rendendo necessaria una disciplina "comune" per la redistribuzione della ricchezza prodotta. In questo contesto, diviene fondamentale definire nel modo più chiaro possibile il concetto di Stabile Organizzazione, attraverso il quale identificare la territorialità del reddito, ai fini della determinazione delle imposte. Il nodo centrale del volume, è proprio quello di effettuare una disamina particolareggiata del concetto di Stabile Organizzazione, nel tempo, partendo dalla definizione comunemente accettata, formulata dall'OCSE attraverso l'analisi dell'articolo 5 del "Modello Convenzionale", per arrivare al confronto con la recente normativa italiana, introdotta con l'art. 162 del nuovo TUIR. Si è cercato di dare delle risposte chiare, sull'utilizzo del concetto di stabile organizzazione non solo in riferimento alle imposte dirette, ma tentando di chiarire la sua applicabilità anche alla disciplina I.V.A., nella quale ancora manca una posizione chiara da parte del Legislatore.
Introduzione - I: Il contesto normativo di riferimento. - II: La normativa tributaria di riferimento. - III: I principi classificatori della stabile organizzazione. - IV: La classificazione in "positivo". - V: Le ipotesi negative. - VI: Definizione di stabile organizzazione: prima e dopo la riforma fiscale. - VII: Le categorie di reddito del modello OCSE. - Appendice. - Bibliografia.
 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
Diritto e pratica tributaria
€ 306,00 (-50%) € 153,00
il fisco
€ 380,00 (-50%) € 190,00
Diritto e pratica tributaria internazionale
€ 105,00 +IVA (-50%) € 52,50 +IVA
NEXTNext
Attendere prego