carrello0

L'Europa e la pena di morte

Comparazione giuridica e strategie abolizioniste

Autori Vecchio Fausto
— CEDAM — Anno 2017
L’esperienza storica mostra come la pena capitale abbia rappresentato un filo conduttore che collega i sistemi politici più disparati: al netto di altre evidentissime differenze di impostazione generale, la soppressione fisica dei rei è con ogni probabilità l’unico elemento che accomuna il corporativismo medievale di matrice cattolica, i diversi regimi che si sono succeduti nella Francia post-rivoluzionaria, il terzo Reich nazista e il totalitarismo sovietico. Alla stessa maniera, regimi politici che come il Regno Unito del primo Novecento o la Francia degli anni sessanta e settanta devono essere classificati come liberal-democratici hanno per lungo tempo difeso la pratica punitiva.
Ovviamente, una simile contraddizione ha suscitato parecchie domande e ancora oggiAggiungi un appuntamento per oggi continua ad interrogare la comunità dei giuristi e più in generale gli studiosi delle scienze sociali.
La convinzione alla base di questo lavoro è che una lettura storico-comparatistica dell’esperienza abolizionista possa facilitare l’individuazione dei formanti e dei crittotipi che hanno portato a fermare le esecuzioni e possa quindi aiutare a comprendere le ragioni di questo strano ed inquietante fenomeno.
 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
Rivista trimestrale di Diritto penale dell'economia
€ 160,00 +IVA (-50%) € 80,00 +IVA
Rivista di diritto processuale
€ 182,00 +IVA (-50%) € 91,00 +IVA
Studium Iuris
€ 155,00 (-50%) € 77,50
Diritto penale e processo
€ 235,00 +IVA (-50%) € 117,50 +IVA
NEXTNext
Attendere prego