carrello0

Il danno alla vittima del reato e i suoi rimedi

Autori Delvecchio Francesca
— CEDAM — Anno 2017

Il tema della vittima del reato all’interno del paradigma processuale penale vive oggi il suo momento di massima espansione. L’opera, metabolizzati i frammenti legislativi della direttiva 2012/29/UE e della sua recente attuazione domestica, propone una declinazione innovativa del favor victimae, concentrandosi sulle esigenze riparative di cui è portatrice la persona offesa dal reato e sugli speculari obblighi di solidarietà statale.

La prima parte viene dedicata alla compensazione del danno criminale attraverso meccanismi riparatori pubblici che agiscono in funzione surrogatoria nelle ipotesi – invero assai frequenti – d’ineffettività del risarcimento da parte del reo. La seconda parte, invece, si concentra su altre fonti di pregiudizio, sganciate dalla condotta criminale e legate all’attività, pur lecita, posta in essere dall’autorità giudiziaria nel corso del procedimento. Il “danno da processo” viene, così, stigmatizzato nel paradigma della c.d. “vittimizzazione secondaria” e affrontato in prospettiva rimediale e compensativa.

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
Attendere prego