Regole cautelari "proprie" ed "improprie"

Regole cautelari "proprie" ed "improprie"

Autori: mostra di più mostra meno

Data di pubblicazione: 2003

Opzioni di acquisto
Scopri di più Prevendita Non disponibile Disponibile

Omaggio

Descrizione

Il testo tratta delle regole cautelari approfondendo nella prima parte la distinzione tra regole cautelari proprie ed improprie, a seconda del "grado" di evitabilità dell'evento dalle medesime assicurato, tenuto conto delle differenti ottiche in cui tale valutazione in termini di efficacia può essere formulata. Una seconda parte è invece dedicata ad un'analisi "per settori" di attività, attraverso la quale si cerca di vagliare i rispettivi dati prasseologici, alla luce delle conclusioni maturate sul piano dogmatico, delle esigenze di ordine politico-criminale sottese a ciascun settore e - last but not least - del canone costituzionale di legalità.Cenni introduttivi. -- Parte prima: L'efficacia delle regole cautelari: profili dogmatici. -- I: Regole cautelari "proprie" ed "improprie", tra "causalità della colpa" e "causalità dell'omissione". -- II: Valutazioni ex ante ed ex post circa l'efficacia delle regole cautelari. -- Parte seconda: Regole cautelari "proprie" ed "improprie", tra paradigmi prasseologici e garanzie costituzionali. -- I: Il settore dell'attività medico-chirurgica. -- II: Il settore degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali. -- III: Il settore della circolazione stradale. -- IV: Il settore dell'attività sportiva. -- Osservazioni conclusive e spunti de lege ferenda. -- Bibliografia.

Dettagli

Data di pubblicazione

2003

Editore

Cedam

ISBN

978-88-13-24676-1

Codice

00065853

Tags

Studi penalistici. Fondata da Giuseppe Bettiol - gia diretta da Pietro Nuvolone - diretta da Cesare Pedrazzi e Alfredo Molari. Novissima serie.
Impossibile aggiungere il prodotto al carrello
Prodotto aggiunto al carrello