La cittadinanza quale "Valore"

La cittadinanza quale "Valore"

Un approccio giuridico - economico

A cura di: Ponte Flavio V., Ventura Enrique Mota Flores mostra di più mostra meno

Data di pubblicazione: 2018

Opzioni di acquisto
Scopri di più Prevendita - Disponibile da Non disponibile Disponibile

Omaggio

Descrizione

Se dovessimo descrivere con una parola il tempo nel quale viviamo potremmo probabilmente affidarci al termine ‘polarizzazione’: le categorie giuridiche emerse nel corso del “secolo breve” e poi sviluppatesi successivamente sono a vario titolo riconducibili – a rischio di essere banali e di scadere nell’equivoco della generalizzazione dei concetti – alla strenua necessità di affermazione dei diritti che, però, sono stati tradizionalmente negati/riconosciuti in modo – appunto “polarizzato”, favorendo o penalizzando gruppi, categorie, aree, ecc.
Questi diritti – se declinati come “inviolabili” – nascono come diritti naturali e poi si trasformano – parafrasando Mengoni – in veri e propri “diritti sociali”, difficilmente compatibili con la “polarizzazione”.
Abbiamo imparato a conoscere articolazioni diverse di diritti inviolabili: ora Grundrechte (diritti fondamentali) sostanzialmente sottratti al potere legislativo, ora diritti posti a fondamento dell’ordinamento costituzionale che, nell’esperienza italiana, sono definibili “sociali” in una duplice accezione (oggettiva/soggettiva) utile a ricordarci la sterilità del formalismo positivistico e la necessità – per contro – di un fondamento etico/morale di un ordinamento giuridico.
In questo contesto si colloca il concetto – polisenso – di cittadinanza: strumento di acquisizione di diritti inviolabili/fondamentali e chiave di accesso a un determinato status, ma anche elemento controverso e discriminante: ora utile alla affermazione della universalità di taluni diritti; ora concetto legato – in modo controintuitivo – alla solitudine, ossia all’altra faccia della cittadinanza globale che – come dice Bauman – esalta la libertà dell’individuo a scapito della dimensione collettiva e prosciuga definitivamente il senso di appartenenza ad un gruppo organizzato.
Ciascun autore del volume ha provato ad interpretare il concetto di cittadinanza e/o a declinarlo mantenendo sullo sfondo i diritti inviolabili/fondamentali: il senso dei contributi va colto apprezzando la diversità culturale dei singoli approcci interpretativi: in questo caso la diversità è un valore che non produce solitudine ma offre spunti alla costruzione di idee complesse e articolate che, seminate in un terreno comune, possono essere utili a recuperare il senso di appartenenza ad un genus, andando oltre la species.

Estratti

In questa sezione puoi consultare e scaricare alcuni estratti del prodotto

Dettagli

Data di pubblicazione

2018

Supporto

Carta

ISBN

9788813368616

Codice

00236826

Editore

Cedam

Categoria

Libri

Tags

La testa di Gorgone. Collana diretta da Gian Pietro Calabro' e Consuelo Martinez-Sicluna

Collana

Dettagli

Data di pubblicazione

 

Periodicità

ISBN

Codice

Categoria

Editore

Edizione

LA MIA BIBLIOTECA

Impossibile aggiungere il prodotto al carrello

PREZZO:
Continua lo shopping