L'acquisizione nel processo penale dei dati "esteriori" delle comunicazioni telefoniche e telematiche

L'acquisizione nel processo penale dei dati "esteriori" delle comunicazioni telefoniche e telematiche

Autori: mostra di più mostra meno

Data di pubblicazione: 2018

Opzioni di acquisto
Scopri di più Prevendita Non disponibile Disponibile

Omaggio

Descrizione

Tradizionalmente considerata come metodologia di indagine dotata di capacità intrusiva minore di quella concernente la captazione del contenuto delle conversazioni e delle comunicazioni, l’attività acquisitiva dei dati esteriori delle comunicazioni telefoniche e telematiche, sebbene di per sé estranea, per definizione, ai contenuti comunicativi, si rivela tutt’altro che “neutra”; dimostrando una marcata attitudine ad aggredire un’ampia cornice di diritti fondamentali (dal diritto alla segretezza sul fatto storico dell’intervenuta comunicazione, al diritto alla tutela della sfera privata, a quello alla libera determinazione dei propri dati personali). È allora doveroso, da parte del legislatore, superare l’assunto della modesta “invasività” di questo pur utile strumento di acquisizione probatoria, così come ben rimarcato dalla storica sentenza Digital Rights Ireland e Seitlinger della Corte di Giustizia dell’Unione europea, predisponendosi, al contempo, un intervento novellatore, lungo le coordinate segnate dai princìpi di legalità e proporzione, ispirato a criteri e modalità garantistiche, in piena conformità alla cornice dei valori costituzionali coinvolti.

Estratti

In questa sezione puoi consultare e scaricare alcuni estratti del prodotto

Dettagli

Data di pubblicazione

2018

Editore

Cedam

ISBN

9788813365806

Codice

00231425

Categoria

Libri

Carta

XVII-195 pagine

Tags

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO - Collana del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Storiche, Economiche e Sociali
Impossibile aggiungere il prodotto al carrello
Prodotto aggiunto al carrello