Avviso ai clienti: la spedizione dei prodotti fisici (libri, codici e Cd-Rom) è sospesa dal 4/8 al 24/8.
Per i prodotti e servizi digitali (eBook, libri digitali, riviste digitali e quotidiani on line) l’attivazione è invece immediata.

Disegno sistematico dell'arbitrato

Disegno sistematico dell'arbitrato

Autori: Punzi Carmine Mostra di più Mostra meno

Data di pubblicazione: 01/2012

Disegno sistematico dell'arbitrato
Prevendita - Disponibile da Non disponibile su ShopWKI Disponibile Scopri di più

IVA Assolta

Iva esclusa

IVA Assolta

Iva esclusa

Omaggio

IVA Assolta

Descrizione

Dopo la prima edizione di quest'opera, pubblicata nel gennaio del 2000, tre eventi significativi sono intervenuti, che hanno interessato la natura dell'arbitrato e i suoi rapporti con la giurisdizione statale e, in particolare, la natura e gli effetti del lodo pronunciato dagli arbitri.
I primi due eventi hanno coinvolto la giurisprudenza della Corte di cassazione e della Corte costituzionale.
Il terzo evento è costituito dalla riforma di cui alla legge 14 maggio 2005, n. 80 e al decreto legislativo 2 febbraio 2006, n. 40, che, incidendo su alcuni aspetti fondamentali della disciplina codicistica dell'arbitrato, ha riguardato, tra l'altro, il patto compromissorio, con la novità dell'introduzione della convenzione di arbitrato in materia non contrattuale, nonché la previsione di un modello arbitrale definito «irrituale» che, secondo il legislatore, si caratterizza per il fatto che le parti, in deroga all'art. 824 bis c.p.c., conferiscono agli arbitri il potere di definire la controversia mediante una «determinazione contrattuale», e, ancora, il regolamento, nel nuovo art. 819 ter c.p.c., dei rapporti tra arbitri e autorità giudiziaria, che ha offerto al legislatore l'occasione per ammettere ope legis (e contro l'orientamento consolidato della giurisprudenza) l'esperibilità del regolamento di competenza avverso la sentenza con cui il giudice ordinario afferma o nega la propria competenza in relazione ad una convenzione di arbitrato.
Il legislatore ha introdotto, inoltre, un articolo 824 bis c.p.c., rubricato «efficacia del lodo», nel quale viene enunciata la regola secondo cui, «salvo quanto disposto dall'articolo 825» c.p.c. (ove si prevede, appunto, che viene conferita esecutività al lodo solo a seguito di decreto emesso olim dal pretore e ora dal tribunale) «il lodo ha dalla data della sua ultima sottoscrizione gli effetti della sentenza pronunciata dall'autorità giudiziaria».

Autori / Editori

Estratti

In questa sezione puoi consultare e scaricare alcuni estratti del prodotto

Dettagli

Data di pubblicazione

01/2012

Carta

2450 in 3 Volumi pagine

ISBN

9788813309169

Codice

00117842

Editore

Cedam

Categoria

Libri

Collana

Dettagli

Data di pubblicazione

Edizione

Versione

Periodicità

ISBN

 

Codice

Categoria

Editore

LA MIA BIBLIOTECA

Serie

Impossibile aggiungere il prodotto al carrello

PREZZO:
Continua lo shopping