"Diniego Di Detrazione Per Consapevolezza"Nel Contrasto Alle Frodi Iva

"Diniego Di Detrazione Per Consapevolezza"Nel Contrasto Alle Frodi Iva

Alla Luce Dei Principi Di Certezza Del Diritto e Proporzionalita'

Autori: mostra di più mostra meno

Opzioni di acquisto
Scopri di più Prevendita Non disponibile Disponibile

Omaggio

Descrizione

Dal 2006 il “diniego di detrazione per consapevolezza” di omesso versamento Iva altrui è misura antifrode creata dalla Corte di Giustizia dell’Unione europea e senz’altro recepita dalla Cassazione civile e dalla giurisprudenza di merito.
Trattasi di misura che presenta profili critici sul piano sistematico in quanto non prevista nelle Direttive comunitarie, non coerente con il principio di neutralità dell’Iva e disattesa dalle scelte del legislatore nazionale; misura altresì che ha creato effetti sorpresa laddove applicata ad anni precedenti al 2006 e fonte di incertezze interpretative, accentuate in Italia in un processo ove tuttora non è ammessa la prova testimoniale.
Lo studio si propone di investigare le origini di tale misura e di confrontare, in una ricerca comparata, le soluzioni elaborate dai legislatori di Regno Unito, Germania. e Francia.
Il tema presenta profili interessanti di divisione dei poteri all’interno dello Stato, tra il giudiziario ed il legislativo, ma anche tra fonti comunitarie e fonti nazionali (c.d. “controlimiti”).
L’autore compara la misura antifrode creata dalla giurisprudenza con quella di cui all’art. 60-bis, decreto Iva, introdotta dal nostro legislatore nel dicembre 2004, misura che, rispetto al “diniego di detrazione per consapevolezza”, è conforme ai principi comunitari di certezza del diritto e proporzionalità.

Estratti

In questa sezione puoi consultare e scaricare alcuni estratto del prodotto

Dettagli

Editore

Cedam

Codice

00151918

Dettagli

Data di pubblicazione

Editore

ISBN

Codice

Categoria

 

Periodicità

Edizione

ON CLOUD

Impossibile aggiungere il prodotto al carrello
Prodotto aggiunto al carrello