carrello0

Voluntary disclosure 2.0

Autori AA.VV .
— IL FISCO — Anno 2017

La Guida Voluntary disclosure 2.0 esamina la disciplina della procedura di collaborazione volontaria nella sua riedizione 2016-2017, disposta con il D.L. n. 193/2016 dopo il prevedibile successo della prima edizione. Infatti, la procedura consente a chi detiene attivi all’estero in violazione della normativa sul monitoraggio di sanare la propria posizione senza rischiare di essere incriminato per autoriciclaggio o di finire nelle liste di contribuenti che verranno comunicate dalle Amministrazioni fiscali degli ex paradisi fiscali all’Agenzia delle Entrate nell’ambito dello scambio automatico di informazioni. Con la nuova voluntary disclosure viene confermata la possibilità di accesso alla procedura anche per i soggetti che non sono destinatari di obblighi sul monitoraggio per sanare violazioni dichiarative interne.

Con taglio operativo la Guida illustra condizioni di accesso, modalità ed effetti della procedura e le principali novità che caratterizzano la seconda edizione, tra le quali spicca l’introduzione del reato di emersione fraudolenta di attivi, che determina una estensione della tutela penale senza precedenti. Altra importante novità che caratterizza la voluntary disclosure 2.0 è il passaggio da procedura confessoria a procedura autoliquidatoria, per cui sarà il contribuente che, affiancato dal suo professionista, dovrà calcolare e liquidare le imposte e le sanzioni dovute.

PIANO DELL'OPERA
I - Scambio di informazioni
II - Le fattispecie sanabili
III - Le attività detenute all’estero e la presunzione di evasione
IV - La procedura e il costo dell’emersione
V - Periodi d’imposta accertabili, cause ostative e crediti per imposte estere
VI - Gli effetti della procedura
VII - Reati tributari e di riciclaggio ed emersione fraudolenta di attivi
VIII - Lacune e disallineamenti normativi

 
ACQUISTA INSIEME
PREVIOUSPrevious
Voluntary disclosure 2.0 + ebook
€ 24,00 +IVA (-40%) € 14,40 +IVA
NEXTNext
LA REDAZIONE CONSIGLIA
Attendere prego