carrello0

Strumentario di diritto alimentare europeo

Con banca dati su CD Rom

Autori Albisinni Ferdinando
— UTET GIURIDICA — Anno 2015

A sei anni dalla pubblicazione della prima edizione, la seconda edizione dello STRUMENTARIO DI DIRITTO ALIMENTARE EUROPEO ne mantiene l’ispirazione e la struttura, adeguandole alle significative novità intervenute in questi anni.
L’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, la crescente espansione degli scambi internazionali, il connesso crescente diffondersi del fenomeno della mutuazione di istituti e modelli fra ordinamenti anche assai diversi tra loro, hanno introdotto in quest’area di esperienza giuridica novità di rilievo sul piano istituzionale e disciplinare, con l’emergere di modelli originali di regolazione e di pratiche innovative, tanto nei contenuti che nell’oggetto.

Alle novità disciplinari e di regolazione si è accompagnata, negli stessi anni – per ragioni culturali e sociali, oltre che economiche – una straordinaria crescita di interesse verso i temi legati alla relazione fra cibo e diritto, e tra alimenti e salute.
Da ciò l’attenzione verso l’oggetto e i principi propri della materia, e nello stesso tempo l’esigenza di individuare gli strumenti di articolazione di quest’area, che fanno del diritto alimentare una questione di diritto oltre che una questione di diritti.
E’ sembrato pertanto necessario, a sei anni dalla prima edizione, non soltanto aggiornare il CD-ROM in ragione delle numerosissime novità legislative e giurisprudenziali intervenute; e così proporre ai lettori una sintesi aggiornata all’oggi delle plurime fonti che costituiscono il diritto alimentare del nostro tempo, tra globalizzazione e localismo, regolazione pubblica e fonti private, hard law e soft law (con confini fra queste aree sempre più spesso di difficile perimetrazione); ma anche modificarne in più parti la struttura rispetto alla prima edizione, inserendo alcune voci nuove, quale quella della trasparenza che ha assunto rilievo crescente nel dibattito degli ultimi anni, articolando diversamente talune voci, ed accorpando altre voci secondo le linee evolutive della disciplina (ad esempio in tema di etichettatura e pubblicità, in ragione della tendenza a regolare in modo unitario l’intera comunicazione sul mercato, come esemplificato dal recente Regolamento n. 1169/2011 non a caso intitolato “Regolamento sulla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori”, che ha sostituito le precedenti direttive in materia di etichettatura).

La struttura dello Strumentario-CD, aggiornata al marzo 2015, intende riflettere, attraverso la partizione in voci e sottovoci e la scelta dei materiali proposti, il disegno sistematico e ordinante che caratterizza questa area disciplinare, ponendone in evidenza la dimensione multilivello e l’articolazione temporale, così da favorire una diretta conoscenza e interpretazione dei testi rilevanti, secondo un percorso che – come già anticipato nella prima edizione – mira a coniugare trasmissione di conoscenze ed esperienze dirette.

Il ricorso a strumenti di editoria elettronica ha consentito di ampliare ulteriormente rispetto alla prima edizione i contenuti dello Strumentario-CD, che contiene il testo integrale dei documenti maggiormente rilevanti in materia, legislativi, giurisprudenziali ed amministrativi, di fonte nazionale, europea ed internazionale, sia nel testo vigente che nei testi precedenti ove questi ultimi risultino utili per la conoscenza delle dinamiche evolutive dell’ordinamento.
Anche il testo a stampa è stato ampiamente rivisto, aggiornando il contenuto dei capitoli già esistenti ed inserendo nuovi capitoli in ragione dei temi di interesse e di confronto emersi in questi anni.

L’articolazione dei capitoli segue quella dello Strumentario-CD, secondo un metodo casistico, che individua oggetti e temi quale occasione per sollecitare il lettore alla conoscenza diretta delle fonti nella loro pluralità, molteplicità e talvolta contraddittorietà, utilizzando i capitoli a stampa non per sé soli, ma quale occasione per favorire tale diretta lettura, attraverso il costante rinvio nelle note ai documenti pubblicati nel CD.
Specifica attenzione è stata assegnata a talune questioni e casi che hanno visto in questi anni l’emergere di significativi conflitti culturali, oltre che economici, e rilevanti novità: dalla tracciabilità di prodotto e di filiera, all’etichettatura di nicchia e di area vasta, ai marchi individuali e collettivi, all’origine dei prodotti di massa, alla brevettabilità della materia vivente, al nuovo ruolo assegnato alla Commissione Europea dalle riforme prima e dopo Lisbona, ad alcune filiere produttive esemplari delle tensioni dell’intero sistema (dal vino, all’olio di oliva, al cioccolato), concludendo con l’esame di questioni e casi legati ai temi della sicurezza e dell’effettività della tutela, individuale e collettiva, privata e pubblica.

Lo Strumentario, dunque, anche in questa seconda edizione si propone come una sorta di codice dell’oggi, con finalità anzitutto, ma non esclusivamente, didattiche, come insieme di attrezzi che variamente combinati consentono a chi si avvicina al diritto alimentare di cogliere addensamenti e differenze, risposte a singoli quesiti ed insieme dimensioni sistemiche di principi.

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
Studium Iuris
€ 155,00 (-50%) € 77,50
Rivista di diritto internazionale privato e processuale
€ 155,00 +IVA (-50%) € 77,50 +IVA
Urbanistica e appalti
€ 235,00 +IVA (-50%) € 117,50 +IVA
Giornale di Diritto Amministrativo
€ 235,00 +IVA (-50%) € 117,50 +IVA
NEXTNext
Attendere prego