carrello0

Le clausole dei trusts interni

Autori Muritano Daniele, Bartoli Saverio
— UTET GIURIDICA — Anno 2008

Gli Autori, tra i massimi esperti di TRUST APPLICATO ALL'AMBITO NOTARILE, approfondiscono in maniera completa e con taglio pratico la materia del trust considerandola dal punto di vista del notariato ed esaminando l’impatto di talune clausole utilizzate nei trust interni con le nostre norme imperative.

 

PIANO DELL’OPERA

- Clausole incidenti sulla designazione di beneficiari del trust
- Trust e capacità di ricevere per testamento e per donazione
- Il trust discrezionale quanto all’erogazione dei redditi ed il principio di personalità della volizione liberale
- Clausola secondo la quale il trust è revocabile dal disponente
- Il cosiddetto “potere di anticipazione” (“power of advancement”)
- Le clausole che consentono al trustee, di sua iniziativa o a richiesta del beneficiario, di vincolare beni in trust in un altro trust
- Clausola che consente la modifica del contenuto dell’atto istitutivo del trust
- Clausole volte ad impedire o limitare l’alienazione volontaria (inter vivos o mortis causa) ovvero forzata del diritto del beneficiario
- Clausola che vieta al trustee di alienare
- Clausola che sottopone un negozio compiuto dal trustee al preventivo consenso di altri soggetti
- La clausola di trust testamentario che individua quale beneficiario un legittimario ed il divieto ex art. 549 c.c. di pesi o condizioni sulla quota di legittima
- Clausola secondo la quale il diritto del beneficiario del trust sarà amministrato da un soggetto diverso da costui
- I problemi posti dai trusts istituiti da un soggetto incapace d’agire
- Clausola secondo la quale il beneficiario che impugni il trust o sue singole disposizioni perderà, in tutto o in parte, quanto attribuitogli dal disponente
- Clausola secondo la quale i provvedimenti di nomina o revoca del trustee o del guardiano dovranno o potranno essere richiesti ad un giudice diverso da quello italiano; clausola secondo la quale il trustee potrà rivolgersi al giudice per ottenere direttive
- Clausola secondo la quale, in caso di cessazione dall’ufficio di un trustee, i beni in trust diverranno di titolarità del trustee subentrante pur se manchi una dichiarazione negoziale traslativa da parte del trustee uscente (o, se deceduto, da parte degli eredi di costui)
- Clausola secondo la quale, alla cessazione del trust, i beni in trust diverranno di titolarità dei beneficiari finali pur se manchi una dichiarazione negoziale traslativa da parte del trustee;
- Clausola che designa i beneficiari di reddito in ordine successivo
- Clausola prevedente effetti coincidenti, in tutto o in parte, con quelli che sarebbero prodotti da un resulting trust
- Problemi relativi alle clausole concernenti la durata del trust
- Clausole del trust prevedenti metodi alternativi di risoluzione delle controversie ad esso inerenti: la clausola arbitrale e la clausola di conciliazione
- Analisi della prassi redazionale degli atti istitutivi di trusts interni

 

 
ACQUISTA INSIEME
PREVIOUSPrevious
Le clausole dei trusts interni + ebook
€ 59,50 +IVA (-36%) € 38,33 +IVA
NEXTNext
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
Contratto e impresa
€ 195,00 +IVA (-50%) € 97,50 +IVA
Notariato
€ 190,00 +IVA (-50%) € 95,00 +IVA
I Contratti
€ 250,00 +IVA (-50%) € 125,00 +IVA
Trusts e attività fiduciarie
€ 325,00 +IVA (-50%) € 162,50 +IVA
NEXTNext
Attendere prego