carrello0

I concordati giudiziali

Autori Zanichelli Vittorio
— UTET GIURIDICA — Anno 2010

Aggiornato alla l. n. 2/2009 e al relativo D.M. 4.8.2009 (G.U. del 25 ottobre 2009 n. 251), alla l. n. 69/2009 e alla recente giurisprudenza della Cassazione e della Corte Costituzionale

L’Autore analizza gli istituti del concordato preventivo, del concordato fallimentare, di quelli che possono definire l’amministrazione straordinaria delle grandi imprese o la liquidazione coatta amministrativa, nonché degli accordi di ristrutturazione dei debiti, sui quali è intervenuto il legislatore con il d.lgs. n. 5 del 2006, modificato con il d.lgs. n. 169 del 2007, nonché con il d.l. n. 347/2003, più volte modificato anche, ultimamente, con il d.l. n. 134/2008.
Sulla base dell’esperienza maturata nella specifica materia, l’analisi viene condotta tenendo conto dell’inquadramento dogmatico degli istituti ma con particolare interesse alle problematiche applicative della complessa materia, con riferimento alle nuove opportunità offerte ai debitori e ai terzi e al non sempre agevole coordinamento con la normativa preesistente,
L’opera fornisce ai magistrati e agli altri operatori del diritto strumenti interpretativi per l’individuazione
di soluzioni compatibili con la ratio della riforma.

PIANO DELL'OPERA

IL CONCORDATO NEL PROCEDIMENTO DI RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE DI GRANDI IMPRESE IN STATO DI INSOLVENZA
 L’AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA DELLE GRANDI IMPRESE IN STATO DI INSOLVENZA
 LA PROPOSTA DI CONCORDATO
 IL CONCORDATO DI GRUPPO
 LA PRESENTAZIONE DELLA PROPOSTA
 L’APPROVAZIONE DELA PROPOSTA DA PARTE DEL MINISTRO E I RIMEDI GIURISDIZIONALI
 L’ACCERTAMENTO DEL PASSIVO NEL CONCORDATO
 I PROCEDIMENTI DI IMPUGNAZIONE DEGLI ELENCHI DEL GIUDICE DELEGATO
 LE DOMANDE TARDIVE
 LA VOTAZIONE SULLA PROPOSTA E IL GIUDIZIO DI APPROVAZIONE DEL CONCORDATO

IL CONCORDATO PREVENTIVO
 I REQUISITI SOGGETTIVI E OGGETTIVI PER L’AMMISSIONE AL CONCORDATO
 IL PIANO DI CONCORDATO
 IL PROCEDIMENTO DI AMMISSIONE
 EFFETTI DELL’AMMISSIONE PER IL DEBITORE E PER IL CREDITORE
 LE ATTIVITÀ DEGLI ORGANI DELLA PROCEDURA DALL’AMMISSIONE ALL’ADUNANZA DEI CREDITORI
 LA DELIBERAZIONE DEL CONCORDATO PREVENTIVO
 LA TRANSAZIONE FISCALE
 L’OMOLOGAZIONE
 IMPUGNAZIONE DEL DECRETO DI OMOLOGAZIONE, CHIUSURA DELLA PROCEDURA ED EFFETTI DEL CONCORDATO
 L’ESECUZIONE DEL CONCORDATO
 LA RISOLUZIONE E L’ANNULLAMENTO DEL CONCORDATO

IL CONCORDATO FALLIMENTARE
 LA PRESENTAZIONE DELLA PROPOSTA DI CONCORDATO
 IL CONTENUTO DELLA PROPOSTA DI CONCORDATO
 LA VALUTAZIONE DELLA PROPOSTA DI CONCORDATO
 LA VOTAZIONE E L’APPROVAZIONE DELLA PROPOSTA DI CONCORDATO
 L’OMOLOGAZIONE DEL CONCORDATO
 GLI EFFETTI E L’ESECUZIONE DEL CONCORDATO
 LA RISOLUZIONE E L’ANNULLAMENTO DEL CONCORDATO
 LA RIAPERTURA DEL FALLIMENTO E LA NUOVA PROPOSTA DI CONCORDATO

IL CONCORDATO NELLA LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA
 IL PROCEDIMENTO PRIMA E DOPO IL DECRETO CORRETTIVO

IL CONCORDATO NELL’AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA DELLE GRANDI IMPRESE IN STATO DI INSOLVENZA
 IL PROCEDIMENTO PRIMA E DOPO IL DECRETO CORRETTIVO

GLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
Attendere prego