carrello0

La sicurezza del lavoro negli spazi confinati

Autori Rotella Andrea, Rausei Pierluigi, Fonzar Ugo, Marigo Marzio, Arezzini Michela
— IPSOA INDICITALIA — Anno 2012

Una recente legislazione (D.P.R. n. 177/2011), emanata in risposta a ripetuti e mortali incidenti sul lavoro, ha disciplinato l’attività delle imprese e dei lavoratori autonomi destinati ad operare nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati, cioè un qualsiasi ambiente limitato, in cui il pericolo di morte o di infortunio grave degli operatori è molto elevato, a causa della presenza di sostanze o condizioni di pericolo.
La pericolosità di uno spazio confinato è tutta racchiusa negli elementi che ne caratterizzano l’identificazione, specialmente la difficoltà di entrarvi e/o uscirvi, l’assenza o insufficienza della ventilazione naturale, il fatto che non siano ambienti destinati ad attività lavorative, ma nei quali i lavoratori possono entrarvi per attività di manutenzione, pulizia, gestione o altro.
Si tratta spesso di cisterne, fognature, pozzi, fossi, condotte sotterranee, ma anche di ambienti dove l’insidia  maggiore è nascosta nella falsa certezza che non vi sia rischio, come ambienti a cielo aperto, ad esempio piscine, vasche e scavi.
Purtroppo, a valle di ogni incidente, pur riconoscendo la specificità di ogni singolo evento, un’analisi attenta degli stessi porta a riconoscere che è venuto meno uno o più di questi elementi:

  • valutazione dei rischi specifici degli spazi confinati
  • formazione e addestramento degli addetti
  • adeguata preparazione alla gestione delle emergenze.

Tutto questo è riconducibile ad un’unica, grande questione: il possesso da parte dell’impresa o del lavoratore autonomo che esegue questi lavori in proprio di un’adeguata idoneità tecnico-professionale che gli permetta di riconoscere gli spazi confinati, i loro rischi e sia in grado di fronteggiarli adeguatamente e con professionalità, persino in una condizione di emergenza.
Al fine di contribuire alla crescita di una cultura della prevenzione a tutela dei lavoratori che si trovano ad operare in tali ambienti, Il Volume analizza dunque i seguenti aspetti:

  • l’ambito di applicazione del provvedimento;
  • il sistema di qualificazione delle imprese operanti negli spazi confinati (i requisiti di qualificazione relativi a competenza, formazione, addestramento e rispetto integrale delle misure di prevenzione e protezione per tutti quegli operatori chiamati a svolgere lavori, servizi e forniture per operazioni di controllo, riparazione, manutenzione di impianti o di apparecchi in ambienti confinati);
  • i fattori di rischio all’interno degli spazi confinati (a partire dallo studio di casi di incidenti significativi avvenuti nel passato);
  • le procedure di emergenza nel caso di incidenti;
  • ed offre prime indicazioni operative e pratiche agli operatori (in particolare negli appalti di opere e servizi) per la gestione degli spazi confinati e degli ambienti a sospetto di inquinamento.

Completa il Volume  il Vademecum per le imprese e lavoratori che racchiude i concetti basilari della normativa, dei rischi e delle procedure, e costituisce un supporto tecnico alla specifica formazione prevista per  ogni singola attività. Il Vademecum offre, tra l’altro, strumenti operativi quali  lo  Schema di procedura e la Check list per lavorazioni in ambienti sospetti di inquinamento o confinati.

STRUTTURA

Capitolo 1 - Pubblicazione ed entrata in vigore del decreto sugli “spazi confinati”
1.1 Finalità del decreto
1.2 Campo di applicazione
1.3 La (mancata) definizione di “spazio confinato”
1.4 La verifica dell’idoneità tecnico-professionale
1.5 L’informazione degli operatori
1.6 Conclusioni

Capitolo 2 - Il sistema di qualificazione delle imprese operanti negli spazi confinati
2.1 Introduzione
2.2 Campo di applicazione modulato
2.3 La qualificazione come fondamento di prevenzione
2.4 Gli elementi di qualificazione per lavorare nei confined spaces
2.5 Le procedure di certificazione come garanzia di qualificazione

Capitolo 3 - Analisi dei fattori di rischio all'interno degli spazi confinati
3.1 Introduzione
3.2 Casi di studio
3.3 Che cos’è uno spazio confinato
3.4 I pericoli presenti in uno spazio confinato

Capitolo 4 - Gestione delle emergenze negli spazi confinati
4.1 Introduzione
4.2 Gli obblighi di legge sulle procedure di soccorso
4.3 Concetti di base per un’operazione di soccorso
4.4 Elementi di valutazione per una squadra di soccorso
4.5 Importanza della formazione specifica
4.6 La procedura di emergenza

Capitolo 5 - Lavori in spazi confinati e ambienti a sospetto di inquinamento: gestione operativa
5.1 Premessa
5.2 Definizioni di spazio confinato
5.3 Come qualificare le imprese
5.4 Gestione degli spazi confinati e degli ambienti a sospetto di inquinamento
5.5 Permesso di accesso

Vademecum per imprese e lavoratori autonomi operanti in ambienti sospetti di inquinamento o confinati
1. Premessa
2. Soggetti coinvolti dalla normativa
3. Definizioni
4. Definizione spazio confinato
5. Spazi confinati difficilmente identificabili
6. Agenti chimici
7. Ventilazione luoghi confinati
8. Utilizzo di autorespiratore
9. Normativa di riferimento
10. Responsabilità del datore di lavoro
11. Gestione appalti e subappalti
12. Schema procedura per lavorazioni in ambienti sospetti di inquinamento o confinati
13. Check list

Appendice - Normativa essenziale
Decreto legislativo 9 aprile 2008 n. 81 (Articoli estratti)
Decreto del Presidente della Repubblica 14 settembre 2011 n. 177.

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
ISL  Igiene & sicurezza del lavoro
€ 191,00 +IVA (-50%) € 95,50 +IVA
NEXTNext
Attendere prego