carrello0

La tutela dei diritti nella riforma fallimentare

Autori Fabiani Massimo, Patti Adriano
— IPSOA — Anno 2006

Gli scritti in onore di Giovanni Lo Cascio rappresentano non solo un omaggio ad un maestro da parte dei più insigni autori sul fallimento ma una riflessione importante sugli effetti della riforma sul piano dei diritti.
I lavori analizzano il grado di tutela che i diritti ricevono attraverso le procedure concorsuali.

La riforma ha allargato apparentemente l’aspetto privatistico del fallimento. Questo lavoro vuol fare il punto sia a livello sostanziale che processuale di quanto sia cresciuta o diminuita la tutela dei creditori  e del debitore dalla fase iniziale di dichiarazione di fallimento fino alle successive fasi impugnatorie.

Un testo indispensabile per comprendere a fondo la portata della riforma fallimentare e i suoi effetti su tutti gli attori del procedimento: tribunali, giudici, curatori, debitori e creditori.

La struttura del volume:

1. La tutela dei diritti attraverso le procedure concorsuali e l’art. 24 della Costituzione
2. Istruttoria prefallimentare e misure cautelari patrimoniali
3. La dichiarazione di fallimento ed il suo presupposto soggettivo
4. Riflessioni sulla tutela dei diritti nell’appello avverso la sentenza di fallimento
5. I nuovi rapporti tra gli organi
6. Il nuovo concordato fallimentare
7. Acquisizione del patrimonio e tutela dei diritti dei terzi
8. Il diritto del fallito alla ragionevole durata del processo concorsuale
9. Tutela alternativa dei creditori dopo la riforma della revocatoria fallimentare
10. La tutela dei contraenti in bonis nei rapporti giuridici preesistenti
11. I diritti dei creditori e la nuova posizione del curatore nell’accertamento dello stato passivo
12. La tutela dei diritti nella liquidazione fallimentare
13. La tutela dei diritti nella ripartizione dell’attivo
14. Omologazione
15. L’esdebitazione
16. I diritti dei creditori nel nuovo concordato preventivo
17. Accordi di ristrutturazione dei debiti e tutela dei creditori

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
Attendere prego