carrello0

Principi di Crimonologia Applicata - Criminalità, controllo, sicurezza

Autori Balloni Augusto , Bisi Roberta , Sette Raffaella
— CEDAM — Anno 2015

Nei volumi "Principi di Criminologia - Le Teorie" e "Principi di Criminologia Applicata - Criminalità, Controllo, Sicurezza", gli Autori riflettono sull’evoluzione delle scienze criminologiche in un momento storico in cui l’attenzione nei confronti della criminalità e delle sue dinamiche risulta essere di grande attualità.
Avvertita l’esigenza di una messa a punto di alcune problematiche, si è posta l’attenzione su aspetti concettuali, teorici e metodologici della ricerca criminologica, proponendo di applicare il modello della psicologia topologica di Kurt Lewin all’interpretazione del crimine, facendo riferimento alla nota formula: C = f (P, A), secondo la quale il comportamento criminale di un individuo va posto in relazione allo stato della persona e alle caratteristiche dell’ambiente.
In tale prospettiva, si possono aprire nuovi orizzonti per quanto riguarda sia la ricerca scientifica che le sue applicazioni pratiche nelle scienze criminologiche.
Nel primo volume, che riguarda Le teorie, dopo un’analisi dell’evoluzione della sociologia della devianza e della criminologia, vengono esaminate, anche in chiave critica, le teorie criminologiche nella prospettiva bio-antropologica, psicologica e sociologica. Passato, presente e prospettive future degli studi e delle ricerche criminologiche sono lo sfondo da cui partono gli Autori per sviluppare l’ipotesi di una applicazione della teoria del campo di Lewin all’ampio e complesso di fatti che riguardano il comportamento criminoso. A questa ipotesi interpretativa non si vuole attribuire il valore di nuova teoria criminologica, ma si fa ricorso ad essa perchè, prendendo in considerazione simultaneamente fatti psicologici e sociologici, è possibile costruire, anche nell’ambito delle scienze criminologiche, spiegazioni non agevolmente falsificabili, soprattutto per crimini non convenzionali, ed in particolare per la criminalità economica e organizzata e per il terrorismo.
Nel secondo volume, Criminalità, Controllo, Sicurezza, si analizza la dinamica di alcune manifestazioni criminose, convenzionali e non convenzionali, al fine di fornire strumenti utili a tutti coloro che, a vario titolo, desiderano affrontare le problematiche relative alla diffusione della criminalità, ai processi di vittimizzazione e al controllo sociale. In questo volume, infatti, si sviluppa l’applicazione della teoria del campo alla dinamica dei delitti, tradizionali e non, con l’intento di interpretare il comportamento criminoso in funzione di ciò che è dato e vissuto nel campo stesso in cui si verifica il crimine. In una tale ottica, si delineano pure orientamenti per la prevenzione e il controllo della criminalità.
Corredano le pubblicazioni risorse multimediali che utilizzano e integrano tecniche e strumenti diversi: schede cronologiche di approfondimento relative all’evoluzione della criminologia, video ed audio interviste, rivolte a testimoni significativi, utili per riflettere su manifestazioni criminose di particolare attualità e sulla reazione sociale (si consulti la pagina web http://www.cedam.com/aggiornamenti.aspx).

L'attualità criminologica e vittimologica vista dall'Italia e dal mondo:

Relazioni droga-crimine, intervista a Serge Brochu

La criminalità organizzata transnazionale, intervista a Vito Zincani

I crimini internazionali, intervista a Stephan Parmentier

L'aiuto alle vittime, intervista a Sabrina Bellucci

Trattamento rieducativo dei condannati e misure alternative alla detenzione, intervista a Francesco Maisto

Polizia penitenziaria, custodia e trattamento rieducativo dei detenuti, intervista a Giovanni Battista Durante

Polizia penitenziaria, custodia e trattamento rieducativo dei detenuti, intervista a Antonio Scicchitano.

Augusto Balloni, neuropsichiatra e medico legale, psicologo e psicoterapeuta, è stato preside e professore ordinario di Criminologia alla Facoltà di scienze politiche dell’Università di Bologna. Attualmente è presidente della Società Italiana di Vittimologia (www.vittimologia.it) e dell’Università Popolare "Enrico Ferri" (www.upef.eu) e direttore responsabile della Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza (www.vittimologia.it/rivista).


Roberta Bisi è professore ordinario di Sociologia giuridica, della devianza e mutamento sociale presso la Scuola di Scienze politiche dell’Università di Bologna – campus di Forlì, è responsabile scientifico del Centro Interdisciplinare di Ricerca sulla Vittimologia e sulla Sicurezza del Dipartimento di sociologia e diritto dell’economia dell’Università di Bologna e coordinatore del comitato scientifico della Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza (www.vittimologia.it/rivista).


Raffaella Sette è professore associato di Sociologia giuridica, della devianza e mutamento sociale presso la Scuola di Scienze politiche dell’Università di Bologna, componente esperto del Tribunale di sorveglianza di Bologna e coordinatore del comitato editoriale della Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza (www.vittimologia.it/rivista).

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
Attendere prego