carrello0

La liquidazione del danno esistenziale

Autori Liberati Alessio
— CEDAM — Anno 2004
Il danno esistenziale rappresenta una delle più importanti novità nell'intero universo della responsabilità civile. Ormai il "danno alle attività realizzatrici della persona" è una realtà, riconosciuta dalla dottrina e risarcita dalla giurisprudenza. Il dibattito attuale investe, invece, la qualificazione del danno. Oggi si fa, infatti, un generalizzato ricorso al criterio della equità. Tale strumento di qualificazione, però deve seguire precise regole, al fine di ottenere risultati omogenei e contenere l'entità del risarcimento nei limiti del giusto. A tal fine, il volume, dopo aver passato in rassegna il tema del danno esistenziale e la sua esatta collocazione nell'ambito dei danni non patrimoniali, ipotizza, mutuandolo dalla ricca giurisprudenza citata, un criterio di massima in grado di assicurare il risultato prefissato, non trascurando di evidenziare anche strumenti di determinazione del danno esistenziale diversi da quello equitativo. Attenzione è dedicata, nell'opera, anche agli aspetti processuali e probatori, indispensabili per la migliore riuscita dell'azione giudiziaria. Nel volume, infine, è contenuta (e spiegata) anche una innovativa formula (l'equazione DE= (b/100)x [(a/100)V] x (g/Ex365)), che sintetizza - nelle varie ipotesi - quanto sostenuto in via teorica in merito alla qualificazione del danno esistenziale, nell'intento di agevolare tutti gli operatori del diritto alle prese con il problema della liquidazione del "danno alle attività realizzatrici della persona".
Introduzione. - Parte prima: L'esatta individuazione del danno esistenziale come necessaria premessa per una corretta liquidazione. - I: Il dibattito costituzionale sul danno non patrimoniale. - II: Il danno esistenziale come nuova voce di danno. - III: Il danno esistenziale come categoria di danno. - IV: Il fondamento normativo del danno esistenziale. - V: Teorie negatrici del danno esistenziale. - VI: La natura del danno esistenziale. - VII: Danno esistenziale e struttura dell'illecito. - VIII: Il danno esistenziale e responsabilità contrattuale. - IX: Danno esistenziale e diritto penale. - X: Il rapporto tra il danno esistenziale e le altre categorie di danno come premessa per una corretta liquidazione. - XI: L'individuazione del corretto rapporto tra il danno esistenziale e il danno biologico come premessa per la liquidazione. - XII: L'individuazione del corretto rapporto tra il danno esistenziale e il danno morale come premessa per la liquidazione. - XIII: L'individuazione del corretto rapporto tra il danno esistenziale e il danno psichico come premessa per la liquidazione. - XIV: L'individuazioe del corretto rapporto tra il danno esistenziale e le altre voci di danno non patrimoniale come premessa per la liquidazione. - Parte seconda: Le ipotesi di danno esistenziale liquidate dalla giurisprudenza. - XV: Le fattispecie di danno esistenziale liquidate dalla giurisprudenza. - XVI: Liquidazione del danno esistenziale e persone giuridiche. - Parte terza: La quantificazione del danno esistenziale. - XVII: L'equità e le altre diverse possibili forme di liquidazione. - XVIII: La quantificazione del danno esistenziale alla luce degli attuali orientamenti giurisprudenziali. - XIX: La quantificazione del danno esistenziale secondo equità. - XX: La liquidazione del danno esistenziale arrecato alle persone giuridiche. - XXI: Quantificazione e prova del danno esistenziale. - XXII: La quantificazione del danno esistenziale contrattuale e del danno esistenziale da reato. - XXIII: L'importanza della quantificazione "per equazione" del danno esistenziale ai fini della ricostruzione dogmatica del danno non patrimoniale. - Indici.
 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
Danno e Responsabilità
€ 215,00 +IVA (-50%) € 107,50 +IVA
NEXTNext
Attendere prego