carrello0

La cessione dei beni ai creditori

Autori Musio Antonio
— CEDAM — Anno 2002
La cessione dei beni ai creditori è un istituto che si distingue per la sue antichissime origini e per le sue alterne fortune. Conosciuto già nel diritto romano, sotto il nome di cessio bonorum, tale contratto non trovò spazio nelle codificazioni precedenti al vigente codice civile del 1942. Nonostante l''assenza di una regolamentazione positiva, la prassi fece frequente ricorso a tale tipo di operazione, tanto che il legislatore finì con l''avvertire l''esigenza di prenderla in considerazione seppur a fini meramente fiscali. In questo periodo la produzione dottrinale, spinta dall''esigenza di ricostruire in via interpretativa una disciplina, fu molto intensa, come lo fu, del resto, anche subito dopo l''entrata in vigore del codice civile del 1942 che introdusse disposizioni specificamente dedicate alla cessione dei beni ai creditori. All''impegno profuso dagli studiosi ha, tuttavia, corrisposto una scarsa utilizzazione pratica del contratto che, alla lunga, ha finito per influire negativamente sull''interesse della dottrina per tale tipo di operazione. A dispetto della scarsa fortuna della cessione civilistica, la c.d. cessione concordataria, grazie alla quale il debitore riesce ad evitare il fallimento, ha trovato ampia diffusione. La disciplina del concordato preventivo mediate cessione è, però, molto scarna e, quindi, inevitabilmente lacunosa. Quanto mai utile, pertanto, tornano le disposizioni dettate dal codice civile a proposito della c.d. cessione ordinaria, grazie alle quali l''interprete può colmare quei vuoti normativi che caratterizzano la disciplina della di una delle più utilizzate tra le procedure concorsuali.
Elenco delle principali abbreviazioni. -- I: La cessione dei beni ordinaria. -- II: La cessione concordataria. -- Indici.
 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
Danno e Responsabilità
€ 215,00 +IVA (-50%) € 107,50 +IVA
NEXTNext
Attendere prego