carrello0

La Riforma della filiazione

Uguaglianza dei figli - Riconoscimento del figlio nato fuori del matrimonio - Nuova disciplina delle azioni di stato - Responsabilità genitoriale

A cura di Bianca Cesare Massimo
— CEDAM — Anno 2015

Il leit motiv, o più semplicemente, il filo rosso della recente riforma della filiazione è il principio di unicità dello stato di figlio, principio enunciato nel nuovo testo dell'art. 315 del codice civile introdotto dalla legge delega n. 219 del 2012, quale espressione del principio costituzionale di uguaglianza e sintetizzato dalla dottrina nella formula efficace: “la legge conosce solo figli”. Tale principio, in quella sede espresso in formula esplicita e solenne, costituisce la struttura portante su cui si regge tutta la riforma, comprensiva delle varie modifiche al codice civile e alle leggi speciali che sono state introdotte con il successivo decreto attuativo n. 154 del 2013 che ha concluso l'iter normativo.
Il volume è un commento sistematico delle innovazioni contenute nel dlgs 28 dicembre 2013, n. 154 che ha concluso l'iter della riforma sulla filiazione (ex legge delega n. 219/2012).
Le novità più importanti e significative riguardano: la creazione di un unico capo dedicato alla filiazione, la soppressione delle qualifiche di figli legittimi e naturali, l'introduzione dell'istituto della responsabilità genitoriale, le nuove regole di accertamento della filiazione, i nuovi termini di prescrizione delle azioni, le nuove norme in materia di successioni e donazioni, le modifiche in tema di diritto processuale e di competenza del tribunale ordinario e per i minorenni.

STRUTTURA
La storia della riforma – C. M. Bianca

I. L’uguaglianza dei figli
1. L’uguaglianza sostanziale: l’unicità dello stato giuridico dei figli (art. 315) – M. Bianca
2. L’unificazione terminologica in tutta la legislazione vigente - Paradiso
3. La revisione sistematica del codice susseguente all’unificazione dello stato di figlio – Carrano

II. Lo statuto dei diritti del figlio (art. 147, 315 bis)
1. Il diritto al mantenimento, all’educazione e all’istruzione - Achille
2. Il diritto all’assistenza morale (art. 315 bis) – Spaziani
3. I rapporti dei minorenni con gli ascendenti (317 bis) - Corder
4. Il diritto a crescere nella famiglia - Ballarani – Sirena
5. Il diritto all’ascolto (art. 315 bis, 336, 336 bis, 38 bis disp. att.) – Ballarani
6. I doveri del figlio (art. 147, 315 bis) – Bellelli

III. La nuova nozione di parentela
1. La parentela a seguito della riforma (art. 74, 87) – Velletti

IV. Le innovazioni alla disciplina del riconoscimento del figlio nato fuori del matrimonio
1. Il riconoscimento e l’inserimento nella famiglia del genitore (art. 250, 252, 255) – S. Troiano
2. Il riconoscimento dei figli nati da parenti (art. 251, 278)- Auletta
3. Gli effetti del riconoscimento (art. 258, 262) – Frezza
4. L’abrogazione della legittimazione (art. 280-290) – Paradiso

V. La nuova disciplina delle azioni di stato
1. La posizione del figlio nato nel matrimonio - Chiappetta
- L’estensione della presunzione di paternità (art. 231- 234)
- Le prove della filiazione (art. 236-241)
- L’azione di disconoscimento di paternità (art. 235, 243 bis-246)
- I nuovi termini di prescrizione dell’azione - Garlatti
- L’azione di contestazione dello stato di figlio (art. 248)
- L’azione di reclamo dello stato di figlio (art. 249)

2. La posizione del figlio nato fuori del matrimonio
- L’impugnazione del riconoscimento (art. 263-264,267) – Chiappetta
- I nuovi termini di prescrizione dell’azione - Garlatti
- La dichiarazione giudiziale di paternità e maternità (art. 270, 276, 279) – Balestra

VI. La responsabilità genitoriale
1. La nozione di responsabilità genitoriale (art. 316-317) - Cianci
2. Il concorso nel mantenimento (art. 148, 316 bis) - Achille
3. La decadenza dalla responsabilità genitoriale (art. 448 bis) – Paradiso

VII. I provvedimenti riguardo ai figli
1. I provvedimenti riguardo ai figli in caso di separazione, scioglimento, cessazione degli effetti civili, annullamento, nullità del matrimonio e procedimenti relativi ai figli nati fuori del matrimonio (art. 337-bis, 337-ter, 337-quater, 337-quinquies; 37 bis disp. att.) – Morace Pinelli
2. L’assegnazione della casa familiare e le prescrizioni in tema di residenza (art. 337-sexies) – Scarano
3. Le disposizioni in favore dei figli maggiorenni (art. 337-septies) – Morace Pinelli
4. Poteri del giudice e ascolto del minore (art. 337-octies) - Ballarani

VIII. Gli effetti della riforma sull’assetto successorio e sulla disciplina delle donazioni
1. La nuova posizione dei legittimari nelle successioni legittime e testamentarie (art. 536, 594, 643, 687) – de Rienzi
2. L’abrogazione della commutazione (art. 537) – G. Giacobbe
3. Le categorie dei successibili (art. 565-567) – de Rienzi
4. Le modifiche in tema di divisione (715, 737) – de Rienzi
5. La revocazione per sopravvenienza di figli (art. 803-804) – G. Perlingieri

IX. Le modifiche alla ripartizione di competenza dei tribunali
1. Le competenze del Tribunale per i minorenni (art. 35, 38 disp. att.) – Velletti

X. Modifiche alla disciplina del divorzio (art. 98 d. lgs.) - Rizzuto

XI. Modifiche alla disciplina dell’adozione
1. La specificazione del concetto di abbandono (art. 15, l. 184/83) - Ciraolo
2. La segnalazione ai Comuni delle situazioni di indigenza (art. 79 bis, l. 184/83) - Napoli
3. L’adeguamento terminologico (art. 293, 297, 299) - Napoli

XII. Modifiche alla legge di diritto internazionale privato - Achille

XIII. Diritto transitorio – Saraceno

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
Attendere prego