carrello0

L'interrogatorio investigativo

Autori Bonzano Carlo
— CEDAM — Anno 2012

Le multiformi manifestazioni del sapere dichiarativo dell’indagato si differenziano per genesi, tempi e funzioni. Impossibile negare, dunque, come tali variabili finiscano per incidere anche sull’essenza del singolo interrogatorio: quello celebrato nel corso delle indagini preliminari su iniziativa dell’inquirente presenta una marcata valenza “accertativa”, che palesa scarsi (se non addirittura inesistenti) profili di contiguità con le istanze difensive.
Ne deriva la necessità di calibrare la concreta attuazione delle garanzie, indistintamente positivizzate per il compimento dell’atto in sé, sulle peculiarità di quella species connotata da un’autentica natura investigativa.
D’altronde, con impatto immediato sulla tematica in esame, il legislatore sovranazionale è tornato a sottolineare come l’equilibrio del sistema vada ricercato non solo «nell’adeguatezza delle normative degli (?…?) Stati membri, bensì anche nella corretta applicazione» delle stesse (Direttiva 2012/13/UE del 22 maggio 2012).

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
Rivista di diritto processuale
€ 210,00 (-50%) € 105,00
Studium Iuris
€ 155,00 (-50%) € 77,50
Diritto penale e processo
€ 252,00 (-50%) € 126,00
NEXTNext
Attendere prego