carrello0

Il terzo arbitratore nell'integrazione del negozio giuridico

Autori Malagnino Caterina Debora
— CEDAM — Anno 2010

L'Opera affronta la largamente discussa materia dell'arbitraggio che nonostante il dettagliato percorso storico normativo e la rilevante diffusione della figura presenta una giurisprudenza in materia assai scarsa specie se si considera che il legislatore del codice civile ha dotato la disciplina di una norma, l'articolo 1349 che reca un principio di carattere generale che rende l'arbitraggio secondo l'opinione oggi conforme in dottrina e nella scarsa giurisprudenza applicabile a qualsiasi negozio giuridico fra vivi o mortis causa.
La giurisprudenza è altresi carente con riferimento ai poteri del terzo arbitratore nonchè al contenuto necessario della clausola di arbitraggio con riferimento alle diverse fattispecie.
L'opera analizzando le caratteristiche dell'istituto e le disposizioni normative in materia, rinvia altresi al tentativo attuale di disciplinare uniformemente l'istituto che ad oggi si riscontra nel rinvio alle norme generali in materia di invalidità-annullamento del contratto con riferimento alla determinazione del terzo (norme applicabili sia se rivolte ad un negozio giuridico e per analogia applicabili anche qualora la determinazione del terzo sia considerata unmero atto giuridico).

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
Rivista di diritto processuale
€ 182,00 +IVA (-50%) € 91,00 +IVA
Studium Iuris
€ 155,00 (-50%) € 77,50
Il Corriere Giuridico
€ 235,00 +IVA (-50%) € 117,50 +IVA
NEXTNext
Attendere prego