carrello0

Il procedimento di prevenzione della violenza sportiva

Autori Cortesi Maria Francesca
— CEDAM — Anno 2008

CONTENUTI
Il legislatore si trova sempre più spesso costretto a fronteggiare il fenomeno della violenza in occasione di manifestazioni sportive, che ha il suo nucleo centrale nella legge 13 dicembre 1989, n. 401 (Interventi nel settore del giuoco e delle scommesse clandestini e tutela della correttezza nello svolgimento di competizioni agonistiche), oggetto di una serie ripetuta e convulsa di interventi modificativi.
L’apparato normativo attuale è costituito, da un lato, da disposizioni destinate a disciplinare istituti volti a prevenire i fenomeni di violenza, tra cui si evidenziano la misura del divieto di accesso ai luoghi in cui si svolgono manifestazioni sportive e l’obbligo di comparizione personale presso l’ufficio o comando di polizia nel corso della giornata in cui si disputano le manifestazioni interdette, la cui procedura applicativa mutua, incidendo sulla libertà personale, il meccanismo di convalida dall’art. 13 Cost.; dall’altro, da strumenti di repressione di natura sostanziale, ma soprattutto processuale. Si tratta, in particolare, del giudizio direttissimo c.d. atipico e della “flagranza differita”, istituto di dubbia costituzionalità attualmente con efficacia provvisoria nel nostro ordinamento fino al “30 giugno 2010”, data entro la quale il nostro legislatore dovrà scegliere se espungere in modo definitivo tale istituto dal sistema normativo o se, invece, mantenerlo, magari non più con efficacia a tempo determinato. La ricostruzione effettuata evidenzia le difficoltà interpretative che caratterizzano il sistema applicativo delle disposizioni in questione troppo articolato e a tratti disomogeneo, al punto da sollecitare di frequente l’intervento della giurisprudenza, chiamata a colmare evidenti lacune, a discapito, però, della certezza del diritto.

STRUTTURA
Il volume è suddiviso in tre capitoli e si sviluppa per numero complessivo di circa 370 pagine.
Il primo capitolo esamina l’evoluzione normativa della disciplina contro la violenza nelle manifestazioni sportive nell’ambito della legislazione italiana, ripercorrendo il panorama normativo in materia.
Il secondo, ulteriormente suddiviso in due parti, affronta il procedimento di prevenzione ed il procedimento applicativo delle misure antiviolenza in occasione di manifestazioni sportive.
Infine, il terzo capitolo esamina il giudizio direttissimo per i reati commessi in occasione di manifestazioni sportive.

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
Rivista trimestrale di Diritto penale dell'economia
€ 160,00 +IVA (-50%) € 80,00 +IVA
Rivista di diritto processuale
€ 182,00 +IVA (-50%) € 91,00 +IVA
Studium Iuris
€ 155,00 (-50%) € 77,50
Diritto penale e processo
€ 235,00 +IVA (-50%) € 117,50 +IVA
NEXTNext
Attendere prego