carrello0

Francesco Guicciardini tra diritto e politica

Autori Carta Paolo
— CEDAM — Anno 2008

L’opera raccoglie le ricerche dell’autore sulla formazione giuridica e il pensiero politico di Francesco Guicciardini, presentate per la prima volta nell’ambito di un ciclo di lezioni tenuto presso l’école Normale Supérieure di Lione nei mesi di febbraio-marzo 2007. Il lessico di Guicciardini e i suoi modelli di scrittura politica, particolarmente quello dei «ricordi», sono indagati considerando in primo luogo il bagaglio dottrinale di cui egli poteva disporre. Il suo pensiero è presentato sia in stretto legame con le idee di Filippo Decio, suo maestro a Firenze e a Padova, sia in relazione all’esperienza fiorentina e savonaroliana, in cui si formò.

Premessa. – Introduzione. – I: «Io Francesco di Piero Guicciardini al presente dottore di legge civile e canoniche». – II: Il giurista e il politico: Guicciardini nella storiografia del IV Centenario. – III : Gli studi e i primi incarichi pubblici. – IV: Filippo Decio maestro del Guicciardini. – V: L’origine dei «Ricordi»: «regulae, exempla, particulari» e il giudizio su Machiavelli. – VI: Le prediche savonaroliane: «Non sta el punto di avere visto assai libri, ma bisogna avere buono iudizio». – VII : Dottrina ed esperienza in Savonarola. – VIII: Pensiero giuridico ed esperienza politica nel «Dialogo del reggimento di Firenze» di Francesco Guicciardini. – IX: «Sotto uno tiranno»: la responsabilità politica in Guicciardini. – X: I primi editori dei «Ricordi» e la tradizione aristotelica. – XI: «Universale» e «particulare»: le regole nel dibattito politico di fine ’500. – XII: I fuorusciti italiani e l’antimachiavellismo francese del ’500. – XIII: Politica e impostura. – Elenco delle opere citate. – Indice dei nomi.

Paolo Carta è professore straordinario di Storia delle dottrine politiche nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento. Tra le sue pubblicazioni si ricordano Nunziature ed eresia nel ‘500. Nuovi documenti sul processo e la condanna di Francesco Pucci (Cedam, 1999); Ricordi politici. Le «Proposizioni civili» di Cesare Speciano e il pensiero politicodel XVI secolo (2003); Il poeta e la «polis» (Cedam, 2003); Francesco Guicciardini tra diritto e politica (2008). Insieme a Lucie de Los Santos ha curato La Rèpublique en exile (2002); con Xavier Tabet e Christian del Vento ha pubblicato gli Scritti sul «Principe» di Niccolò Machiavelli di Ugo Foscolo e Angelo Ridolfi (2004); con Xavier Tabet ha curato il volume Machiavelli nel XIX e XX secolo (Cedam, 2007).

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
Attendere prego