carrello0

European Food Law

Autori Costato Luigi, Albisinni Ferdinando
— CEDAM — Anno 2016

A cinque anni dalla pubblicazione della prima edizione, la seconda edizione di European Food Law segnala già dal titolo European and Global Food Law il crescente rilievo dalla globalizzazione delle regole del cibo, e costituisce il primo volume della nuova collana dedicata al Diritto Alimentare, pubblicata dalla Wolters Kluwer con la direzione di Luigi Costato e Ferdinando Albisinni, che comprenderà volumi anche in formato elettronico ed in e-book, in italiano ed in inglese.

Acquisita a partire dagli anni ’80 e ’90 del XX secolo la dimensione europea del Diritto Alimentare, dimensione consolidata a far tempo della General Food Law introdotta dal Regolamento (UE) n. 178/2002 (che ha fissato principi e requisiti generali sul diritto alimentare e sulla food safety, condivisi sul piano europeo e nazionale), si deve oggi prendere atto della dimensione necessariamente globale della disciplina dei prodotti alimentari.

La prima edizione ha preso le mosse dalla consapevolezza che il Diritto Alimentare Europeo è caratterizzato da un approccio sistemico, nel quale interagiscono fonti e soggetti europei, nazionali e locali, ed ha indagato su contenuto e regole di questo diritto: dall’Autorità Europea per la sicurezza alimentare, alle definizioni condivise, alla disciplina dell’etichettatura, ai prodotti di qualità, alle norme igienico-sanitarie, alle regole di mercato e di concorrenza.

Nel breve volgere di alcuni anni, il Diritto Alimentare Europeo, nella sua stessa articolazione e nei suoi contenuti, è andato acquisendo natura di diritto globale, non solo nel senso tradizionale che rinvia alle istituzioni e convenzioni internazionali, ma nella prospettiva della condivisione e della reciproca influenza dei modelli.

L’universalità del bisogno di cibo sano e sicuro muove insomma verso un’universalità delle regole. Sicché le norme “universali” in materia sono influenzate da quelle europee, e viceversa le norme europee sotto più aspetti incorporano regole e disposizioni (di soft law oltre che di hard law) aventi origine esterna alle istituzioni europee.

Da ciò la struttura di questa seconda edizione di European and Global Food Law, che dopo due capitoli che introducono ai principi europei ed al percorso verso un diritto che è insieme europeo e globale, propone una nuova sezione intitolata “Global Food Law Trends” nella quale studiosi appartenenti ad aree geografiche extra-europee danno conto degli sviluppi, dei principi e delle linee evolutive del diritto alimentare, rispettivamente, negli U.S.A., in Cina e nell’America latina, vale a dire nelle tre aree geografiche nelle quali maggiormente si è assistito negli ultimi anni a rilevanti innovazioni tanto in tema di food safety che in tema di food security.

Segue la sezione dedicata a “European Food Law Rules” che, mantenendo la struttura dei capitoli della prima edizione, aggiorna l’analisi della disciplina europea in ragione delle numerose novità legislative e giurisprudenziali intervenute in questi cinque anni: dal nuovo regolamento sulla comunicazione al consumatore, al “Pacchetto qualità”, ai controlli, alle regole igienico-sanitarie, alle nuove norme in tema di “novel foods”, alla nuova OCM unica, alle riforme nei settori del vino e dell’olio di oliva, ai prodotti bologici, al sistema di allerta rapido, ai claims salutistici e nutrizionali.

Completano il volume gli aggiornati indici analitici della legislazione e giurisprudenza in materia, ed un’ampia bibliografia.

L’uso della lingua inglese, come lingua originale di lavoro anche in questa seconda edizione, per un verso riflette l’esigenza di utilizzare i documenti europei ed internazionali nella lingua originale in cui sono stati elaborati (anche quando successivamente tradotti nelle altre lingue europee), e per altro verso esprime un progetto di comunicazione e condivisione con studiosi e operatori di altri Paesi.

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
Attendere prego