carrello0

eBook - Il nuovo sistema di prevenzione e gestione delle crisi bancarie

Disciplina amministrativa e tutela penale del risparmio

Autori Di Vizio Fabio
— ALTALEX EDITORE — Anno 2016

La disciplina europea della prevenzione e della gestione delle crisi bancarie e delle imprese di investimento si pone all’origine di un radicale cambiamento culturale per azionisti, creditori subordinati e depositanti. Gli azionisti ed i creditori bancari, in particolare, risultano fortemente responsabilizzati nei poteri di controllo e nelle possibilità di conoscenza rispetto alla gestione ed alla situazione ed alla gestione dell’ente.
Il testo si propone di esaminare i nuovi capisaldi dell'Unione bancaria e di ripercorrere il quadro delle effettive tutele penali offerte alle aspettative, agli interessi ed ai diritti dei creditori quali risparmiatori ed investitori non professionali. Per cercare di rispondere alla domanda di che cosa, allo stato della vigente normativa nazionale penale, possa davvero difenderli, anche quali contribuenti, ed in quale misura i responsabili delle ragioni dei dissesti possono essere contrastati per tempo ed effettivamente.

PIANO DELL'OPERA

Parte I - Prevenzione e gestione delle crisi ai tempi dell’Unione bancaria europea
Capitolo 1 – L’Unione Bancaria
Capitolo 2 – I pilastri e le fonti dell’Unione bancaria europea
Capitolo 3 – Le procedure della crisi bancaria

Parte II - Tutela penale del risparmio
Sezione I - Le infedeltà informative
Capitolo 1 – Le false comunicazioni sociali
Capitolo 2 – L’ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza e di risoluzione
Capitolo 3 – Il falso in prospetto
Sezione II - Le infedeltà gestorie
Capitolo 1– L’infedele gestione
Capitolo 2 – La confusione di patrimoni
Capitolo 3 – L’omessa comunicazione del conflitto di interessi
Capitolo 4 – Le obbligazioni degli esponenti bancari
Capitolo 5 – Il mendacio bancario interno
Capitolo 6 – L’appropriazione indebita
Capitolo 7 – La truffa
Capitolo 8 – I reati fallimentari

 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
Attendere prego