carrello0

Abitare minimo nelle Alpi

A cura di Azzoni G. , Mestriner P.
— LETTERAVENTIDUE — Anno 2013
Il Concorso "Abitare minimo nelle Alpi" bandito dal Distretto Culturale di Valle Camonica per la progettazione di un bivacco d'alta quota, è frutto dell'incontro tra la rassegna di arte pubblica aperta "2012 art on the border" diretta da Giorgio Azzoni, ed il lavoro di ricerca condotto da Paolo Mestriner e Massimiliano Spadoni al Politecnico di Milano. Le rispettive ricerche riconoscono alle buone pratiche del fare un valore fondato sull'equilibrata correlazione tra metodi artigiani e tecnologie contemporanee, trovando terreno comune nell'abitare minimo. Cogliendo un'esigenza presente all'interno del Parco dell'Adamello, come nell'intero arco alpino, il concorso di idee per la progettazione di una micro-architettura d'alta quota può contribuire al processo di riqualificazione dei bivacchi esistenti, attivando progettualità improntate alla minima invasività e all'utilizzo di soluzioni tecniche in chiave di stretta utilità. Il tema dell'alloggiare temporaneo ha consentito l'approfondimento del vivere situazioni estreme inducendo un ripensamento del rapporto tra uomo e territorio sulla base di concetti come responsabilità, sostenibilità e sobrietà.
 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
Urbanistica e appalti
€ 235,00 +IVA (-30%) € 165,00 +IVA
NEXTNext
Attendere prego