carrello0

A caccia in Maremma. La pratica venatoria nel Medioevo (VII-XVI secolo)

Autori Guazzerotti Marcello
— C&P ADVER EFFIGI — Anno 2014
La caccia che noi oggi conosciamo con le sue regole e le sue tradizioni, è divenuta tale quando da semplice attività necessaria per difendersi e nutrirsi, con l'evolversi della civiltà, è diventata un tipo di svago; uno sport con i suoi entusiastici praticanti e i non meno convinti detrattori. Le trasformazioni più importanti sono avvenute nel periodo intercorrente tra la fine dell'impero romano e l'avvento delle armi da fuoco. È durante questo lungo periodo che si è evoluto il significato sociale della caccia, che si sono differenziate motivazioni e metodi di caccia tra i nobili ed il popolo, che si sono approvati regolamenti e limitazioni e con l'evolversi delle scienze e delle conoscenze è progredita la specializzazione delle tecniche, degli strumenti e degli ausiliari. Scopo di questa breve ricerca è l'evoluzione dell'attività venatoria e dei suoi riflessi sociali, religiosi, economici e alimentari in un periodo che per semplicità definiremo il Medioevo, con particolare riferimento al territorio della Maremma. L'intento sicuramente ambizioso è stato quello, all'interno di un processo più vasto che ha interessato tutta l'Europa, di ricercare le evidenze storiche, archivistiche e archeologiche che tracciano un quadro dell'attività venatoria in Maremma durante quei secoli.
 
ACQUISTA INSIEME
LA REDAZIONE CONSIGLIA
PREVIOUSPrevious
La nuova giurisprudenza civile commentata
€ 230,00 +IVA (-30%) € 161,00 +IVA
Rivista trimestrale di Diritto penale dell'economia
€ 160,00 +IVA (-30%) € 112,00 +IVA
Contratto e impresa
€ 195,00 +IVA (-30%) € 137,00 +IVA
Diritto e pratica tributaria
€ 290,00 +IVA (-30%) € 203,00 +IVA
Int'l Lis
€ 59,00 +IVA (-31%) € 41,00 +IVA
Amministrazione & Finanza
€ 289,00 +IVA (-30%) € 202,00 +IVA
Bilancio e reddito d'impresa
€ 199,00 +IVA (-30%) € 139,00 +IVA
Famiglia e diritto
€ 215,00 +IVA (-30%) € 151,00 +IVA
NEXTNext
Attendere prego